Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 giugno 2011 5 10 /06 /giugno /2011 18:21

di Ninnj Di Stefano Busà

 

Come si possa trasformare un uomo, nel breve volgere di una notte, da una delle massime potenze d'Europa a un piccolo, meschino violentatore di donne, questo ce lo può spiegare soltanto Straus-Kain o la psichiatria. eccetto,  poi, scoprire che è tutta una fandonia, una messa in scena manipolata da una banda di malfattori con a capo una "cameriera" di colore e la sua banda. Ma in che mondo viviamo? Ci si alza al mattino e si distrugge un uomo, si demolisce la sua immagine, la sua vita, il suo passato e il suo futuro. Entro una settimana le indagini accertano che c'è stata sì, violenza ma la vittima presunta era "consensiente", come dire che il pover'uomo si è trvovato invischiato con una "lestofante" criminogena che sapeva dove andava a parare.

A questo punto neanche il sospettato sa  comprendere come ci si posso cambiare dal giorno alla notte in un Mister Jekill, pronto ad assalire prede malcapitate.

Straus-Kahn. una delle massime personalità, esponente di spicco dell'estabilishment francese, uomo-chiave della politica internazionale, che ha in mano un potere enorme, viene arrestato in in America per stupro.

Ci si chiede: un momento, uno che ha tutto, che ha in mano le redini del potere economico, la più grande disponibilità in fatto di scelte, destinato a segnare la storia di oggi con un fattaccio così indegno e amorale come un'aggressione sessuale ai danni di una donna? Poichè di uno stupro si tratta.

Iniziamo dal principio: l'uomo in questione è il direttore del Fondo Monetario Internazionale, vale a dire uno stratega, un uomo dalle grandi risorse intellettuali e morali, alle quali ci si dovrebbe affidare per uscire dalla crisi economica che attanaglia molti stati europei. Classe '49, poliglotta, discreto aspetto, da signore attempato, ma elegante, dal piglio sicuro e deciso. Abituato ad ottenere tutto col denaro facile, vuole anche la cameriera di colore (si pensa!) ma è un inganno , una diabolica messainscena per aggredire l'immagine dell'uomo potente designato alla più alta carica di governo. Tra alti e bassi, smentite e indagini si passa all'altra versione: il fatto non sussiste, perché il reato non è avvenuto, la violenza non è stata consumata, si è rivelata una farneticazione, una elaboratissima e sciagurata ragione di ricatto, qualcosa di indegno e di illegale, fatto di concerto con il marito della vittima designata, uomo losco e pericoloso che voleva progettare con un marchingegno una trappola per eliminare Strus-Kahn dalla politica; farlo regredire nella moralità, al punto tale da escluderlo ed eliminarlo dalla scena politica. Ora ci si chiede? è così oppure vi sono risvolti processuali tali da correggere la manovra d'assedio e renderlo di nuovo un uomo libero?

Nel mondo in cui viviamo non c'è più nulla di sensato, di certo, di morale, di giusto, di onesto. Abbiamo colmato la misura, toccato il fondo di tutto e ora non ci resta che abdicare in favore o in sfavore di questa o quella teoria, come se la verità avesse due facce, come se il male avesse varie sfumature. Abbiamo perso il lume della ragione, la forza di essere individui adulti, liberi e responsabili. Staremo a vedere dove si arriverà, vi sono avvenimenti e accadimenti che lasciano esterrefatti, azioni di basso livello nelle quali è impossibile indagare senza scomodare Freud. Ma una cosa è certa: ogni giorno di più passiamo la misura stabilita dal buon gusto e dalle regole, civili: ci troviamo invischiati in una melma dalle oscure trame; ogni giorno andiamo smarrendo la ftiyya via insieme a pezzi di coscienza etica. La morale è sotto i piedi e noi brancoliamo nel buio, nel vuoto e nel nichilismo delle nostre fandonie, delle nostre storie meschine e miserevoli.

Condividi post

Repost 0
Published by VolaPoesia - in Articoli di attualità
scrivi un commento

commenti