Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 dicembre 2011 4 15 /12 /dicembre /2011 12:02

a cura di Ninnj Di Stefano Busà

 

 

 

Mi giunge inaspettato l'ultimo volume di liriche di Roberta Degl'Innocenti, poetessa ormai acclarata che merita tutta l'attenzione della critica militante.

E' una bella poesia, una parola che scivola come una piuma mossa da un fiato leggero di vento, ma che trascorre e percorre tutte le ansie, i sussulti, le incognite, gli affanni di un tempo tra i più difficili e critici del malessere di oggi. Sotto la parola dell'autrice troviamo, sì, una levità di linguaggio, ma anche la ruvidezza difforme di una full-immesion totalizzante ed estrema negli anfratti della vita che "graffia" e oseremo dire anche morde.

La narrazione si fa potente e determina in linea di continuità: lo stile e l'esercizio di un scrittura che, ormai, fanno di quest'autrice una sigla riconoscibile.

Roberta Degl'Innocenti non è nuova a un filone di emozioni che fanno il suo repertorio di vita, di suggestioni, di amore, di figure di sostegno come i luoghi, gli affetti, ma qui, in questa sua nuova raccolta, mi permetto di aggiungere, c'è una novità: l'esperienza stratificata nel tempo che produce quel filo memorico, tra lil presente e il passato, la passione e la creatività, la scioltezza del segno e il suo antefatto. Vi è l'orchestrazione della parola che predilige nuove forme di espressione, si evincono note alte, una musicalità "altra", che affiora dalle atmosfere idilliache del paesaggio esterno, dal piacere di ricamare sulla pelle i segni azzurri dell'anima che s'intrecciano e si smarriscono con i chiaroscuri della notte, coi suoi fantasmi, le sue magìe, e ritmano gradualmente un'amplificazione di toni e di situazioni quasi irreali.

Il lettore si sente quasi trascinato ai suoi cieli, ai suoi sogni, ai suoi incantesimi che riscrivono lo spartito con un accordo di altre note ricorrenti e irrinunciabili di vita e di passione.

Una fruibilità e un posizionamento d'immagini davvero figurativo e fantasioso, che ben si confà al carattere dell'autrice, che  ora si colloca in un linguismo elevato, atto a decifrare i suoi simboli, le sue interconnessioni, le interferenze umane ed emozionali in una sfera di grande continuità fònica e con "una libertà assoluta e vincente", come afferma il suo prefatore Paolo Ruffilli.

Le composizioni hanno una loro sonorità stringente e irrinunciabile dal punto di vista letterario, il flusso che determina i contorni, la paesaggistiva dei luoghi, il riflesso dei tempi nelle singole composizioni si deve alla partitura particolarmente musicale, ìnsita nella natura stessa della poetessa, la quale tiene inchiodato il lettore alle atmosfere idilliache, quasi aeree e proteiformi della sua poesia, che predilige l'attraversamento dell'anima, per giungere a rispecchiare la straordinaria esperienza del mondo, le sue trame, i desideri, gli sviluppi di un registro che ha la forza evocativa di un karma.

Ad un esame attento e severo, Roberta Degl'Innocenti appare quella di sempre, perché la musicalità persiste, il tono ritmico, la cura per la preziosità e la levità della parola vi si avvertono forti più che mai; ancora vi sono: il senso intrinseco della ricerca, il valore aggiunto della sua personale autenticità, i riflessi memoriali, gli echi, lo smarrimento, che Roberta sottende al destino della poesia, in una continua analisi di aperture e chiusure, verso un corpo scrittorio che è insieme di grande fascino e di provata leggibilità e fruibilità lirica.

"I graffi della luna", un libro che è tutto questo e molto di più, un  repertorio che danza con ali di libellula, ma con un ritmo materico ancorato alla zavorra del tempo.

Trattasi di connotazioni assai note nella sfera delle sue emozioni, da cui attinge la linfa vitale di tutta la suo storia letteraria. spirito e materia, brividi e rimbalzi, pulsioni e battiti, che l'autrice mette in campo per esorcizzare la danza, con un filo di rimpianto e turbamento: "un sussulto pervinca le parole" oppure: "capelli corti come vuole il vento/ a coccolare storie di parole:"

Condividi post

Repost 0
Published by VolaPoesia - in Recensioni
scrivi un commento

commenti