Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 aprile 2014 3 02 /04 /aprile /2014 20:14

 

 

L’ASSENZA DI ELENA NELLA SILLOGE: IL SENSO DELLA POSSIBILTA’ di Antonio Spagnuolo, Ed. Kairos

 

Recensione a cura di Ninnj Di Stefano Busà 

 

 

Il senso della possibilità, la nuova silloge di Antonio Spagnuolo, ci lascia smarriti, tale e tanta è l’irrisolta, feroce contraddizione tra il risultato emotivo del “prima” e del “dopo” di Elena, tra l’essere stato e il dover essere, tra la carne e il sangue di ieri e, l’accerchiamento, il cambiamento spersonalizzante, smarrito dovuti all’assenza della donna amata.

Ogni dettaglio di emozione, fatto di pensiero naturale, di rasserenante ipotesi giunge immediatamente al suo discrimine, dove tra la fuga e l’addio, tra il tempo diacronico e sincronico, tra antinomie, segni fuggevoli, radici mnemoniche, abbandoni...oggetti, sfuggenti, inerti appartenuti alla sua figura, divenuta evanescente, si ricongiungono le ombre di un viaggio solitario; ad ogni ora, riaffiora quasi inumato dalla polvere e dall’impellenza retroattiva di ieri, un nuovo giorno catapultato nei bisogni asfittici, esangui di una solitudine, che immobilizza il sentimento e lo istruisce nel percorso obliquo, inconcludente della materia. Ogni memoria soggiace alla finitudine, al segmento nostalgico che segue ogni tratto, di questo itinerario avvertito dall’autore come un affronto, un maldestro colpo del destino che lo ha privato della sua compagna. Spagnuolo in questa nuova raccolta distingue in modo asintotico, il suo “io”, vagheggia come uno scolaretto al suo primo appuntamento sugli sprimentalismi linguistici che della poesia fanno una campionatura piuttosto vivace e abbagliata, talché si potrebbe definire anche abbagliante di visioni, di ricordi. La fascinazione della parola ricrea un modello unico e irripetibile di sospensioni dialettiche che lasciano il lettore disorientato e attonito per le continue bellezze e sinestesie e metafore che la nostalgia della donna amata sa implacabilmente ispirargli. La solitudine è implacabile: una forza che procrastina la sua vera morte in un’atmosfera che non è mai elaborazione e disincanto, ma consapevole approdo, orgia di necrosi, a metà tra la vita e il suo contrario, quasi mobile ogni ancoraggio risulta perennemente in bilico, senza una via d’uscita, in ogni caso sempre in sospensione. Molte immagini ne presagiscono una indagine accurata, pignola, e uno scavo tra le ombre che riflettono ora più che mai il pensiero della moglie adorata. I limiti sono quelli di una prigione, i rilievi danno per scontata una fuga, o un ritorno, ma Dove? Quando? tra notti asimmetriche e memorie affrante, il suo “sé” ricostruisce itinerari di nevrosi, risucchi d’illusioni, ferite sempre aperte, che deformano talune allucinazioni  memoriali abbandonandosi alla nostalgia e sprofondandovi con la fantasia come in una tensione difforme, tra la realtà e il sogno, tra l’immaginifico e il vulnus che non argina mai il vorticoso malessere, la inarrestabile ricerca dell’amata: “inseguo le tue ombre quotidiane/ per rubarti un sorriso” oppure: “Scatta improvvisa la malinconia/ che graffia, che morde, che inasprisce/ le braccia per divenire abbandono.” (pag. 84)

Tutta la sezione dedicata ad Elena è un perseverante e avvolgente sudario per ricordi incontrastati.

 

Condividi post

Repost 0
Published by POESIA - in Recensioni
scrivi un commento

commenti