Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 marzo 2014 3 19 /03 /marzo /2014 09:34

LETTURA DI TESTI DI AUTORI CONTEMPORANEI 

di Nazario Pardini, Ed. Writer Milano, 2014, pp.776

 

di Ninnj Di Stefano Busà

 

 

Si tratta della figura di un grande esegeta del ns. tempo, che ci presenta un lavoro impegnativo su vari autori da lui trattati e analizzati.

Inaspettatamente, da par suo, Nazario Pardini ci presenta un lavoro certosino: quasi 800 pp di pura tecnologia critica; un grande lavoro di ricognizione morfologica dei testi assemblati, che sembrano pietre miliari di un progetto a più lunga scadenza della pagina letteraria di questo fine secolo.

Un documento storico di grande rilevanza, quello che ci accingiamo e recensire.

Pardini in questo lavoro di (de)strutturazione e ricomposizione ne è il regista, la personalità più avvertita di una pletora di elementi che da lungo tempo si presenta al più grosso pubblico con riferimenti validi e circostanziati.

Nessuno dei selezionati è l’ultimo della classe: sfilano nomi di un certo rilievo, direi quasi autorevoli nella loro grande intellettualità.

Il critico li inserisce in un filone per soli esteti, in una posizione, la sua, che definire superlativa è poco.

La sua presenza è preponderante rispetto al lucido e concettuale criterio di abbordaggio e d’identificazione.

L’indagine esplorativa è sempre ricca e sapiente.

Si rivela un intelletto fertile che sa intuire epifaniche consonanze con gli autori prescelti.

Ha assembrato autori più disparati, senza che ne venisse meno la validità del testo.

Ha saputo mettere insieme il loro humus culturale, attraverso una ricostruzione programmatica e lessicale d’ampio spettro:

credere nella vita vuol dire accettarne anche il suo dolore” vado continuando a dire, e me ne convinco sempre di più perché: la vita è la distanza tra il grido e la ferita”.

Anche Pardini conosce lo stesso dolore del mondo, quello che condivide con ciascuno di noi e se ne fa interprete, è in grado di cogliere la drammaticità del progetto esistenziale.

In questa rappresentazione così vasta e variegata ha saputo  menzionare come un fatto logico e naturale del vivere, l’eterno messaggio del dolore.

Lo stile, soprattutto nelle prefazioni alle opere, è carico di quel pathos che da sempre contraddistingue il suo linguismo. Un patrimonio culturale acquisito in tanti anni di impegno didattico, in numerose esperienze letterarie, in strategie di scrittura di notevole validità.

La sua lunga militanza in poesia e in tutte le forme dell’esegesi ha formato la sua memoria e l’ha impregnata di una profonda verve scrittoria, mai sentenziosa né asettica, ma sempre espressiva e lucida.

Una capacità dialettica che lo fa un grande regista dell’animo umano, una delle personalità più aperte e progressiste: tra le più preparate.

Il testo ne riscopre di volta in volta la libera interpretazione dei segni che, il rigore e la bravura di un poeta sa costruire sui modelli di una sorprendente classicità e con riferimenti di lettura che solo Pardini sa approntare.

 

                                                                                                     

   

Condividi post

Repost 0
Published by LETTERATURA - in pezzi critici
scrivi un commento

commenti