Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 aprile 2012 3 04 /04 /aprile /2012 12:27

 

DENTRO E FUORI IL PAESAGGIO di Antonio Coppola, supplemento a: I fiori del male n.51 (copia omaggio)

  

(a cura di Ninnj Di Stefano Busà)

 

 

Un libro inaspettato, quanto gradito, quello di Antonio Coppola: Dentro e fuori il paesaggio, una plaquette smilza che assumma un concentrato di poesia altissima, una poesia come non ne leggevo da molto. L’autore sbalordisce il lettore esordendo in versi davvero straordinari: “Noi tradimmo i silenzi/ che divennero assalti dentro/ la notte che succhia/ il figliare dei suoi abitanti (pag27) o ancora “Quando rovinosi i passi/ cadranno dalla scena/ mi è straziante bussare/ dentro quel silenzio / su cui visse metà di me” (pag. 17)).

Il poeta riscopre se stesso, attraverso le miriadi di memorie quasi filmate, impresse nella mente: un hic et nunc, che come cantaride ricreata dalla bellezza da offrire al cielo, viene sollecitata dalla rapidità del sogno in transito, che la riformula e l’annota in tale nitidezza da sbalordire.

Non che prima Antonio Coppola non sia stato un grande poeta, ma con quest’ennesima prova lirica, crediamo di poter affermare che ha superato se stesso, ha fatto il giro di boa e si è portato ad un livello davvero superiore.

Antonio Coppola è parco nello scrivere poesia, ma quando lo fa, la compone ai più alti livelli. Come ad es: la sua creatura: I fiori del male, iniziata in sordina, quasi per scommessa, oggi è arrivata ad essere una delle riviste più qualificate del diorama letterario contemporaneo. Vi collaborano autorevoli scrittori e critici di spicco. Un vero successo, di cui andare fieri, soprattutto in questi tempi scarsi di cultura e di iniziative che tendano a proteggerla.

La tendenza e la predisposizione sono sempre le stesse, il poeta permane nella sua nicchia d’ascolto, appartato ma non isolato e, riservato, (come è nella sua natura) non ama la folla, il trambusto del palcoscenico, la ribalta mediatica, se ne sta in disparte a comporre liriche che hanno come sostrato una parola consapevole del suo lutto, del suo malessere: “Presto svanirò in questo mare / di triboli e curve di cielo/ in una Scilla che si fa bella/ addormentata sul sentiero fiorito”

I versi di questo prezioso libriccino fanno pensare all’eco di un Montale, nelle sue ultime composizioni, ad una riappropriabile trasfigurazione del reale, che increspa e assottiglia la lamina del tempo, senza per questo fermarne: suggestioni, sentimenti, emozioni, in un attraversamento di strazi e di straordinarie maturità intellettive che, proprio per la percezione di cui si fanno interpreti, riescono a misurare un potenziale alto di poesia che coglie e, profondamente trascorre, tra le fitte affannate e dolorose dell’esistente.

Tutta la poesia di Coppola è vivificata e resa godibile da una blandita profondità, quasi tragica e palpabile della memoria. Qui, se ne evince un concentrato che utilizza a 360° tutti gli strumenti dell’orchestrazione.

Passioni sedate, (forse) che restano perturbanti e fedeli a se stesse. come in questi versi: “Sentire il grido degli uragani spolpare/ l’anima, invece, oggi, il corpo trema/ fino al profondo epicardio.” (pag.42)

La bellezza e il fascino di questa poesia stanno nel saper individuare il punto esatto, da cui superare le barriere dell’immaginifico, per farsi pianto consolatore, meno afflitto e più autentico dell’anima.   

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Ninnj Di Stefano Busà - in Recensioni
scrivi un commento

commenti